Ciao, io vado (in Sudamerica)

Un viaggio di mille miglia comincia sempre con il primo passo.

(Lao Tzu)

Caro Lao, il vero problema è capire qual è stato il primo passo!

Ciao a tutti, vecchi e nuovi amici, sconosciuti o casuali avventori!

con questo primo post voglio presentarmi e raccontarvi un po’ di me e di questo piccolo sogno-progetto che sto costruendo passo dopo passo.

Sono Daphne, annata 1991, passaporto italiano. Nata e cresciuta in una città di confine (Trieste), ho sempre amato viaggiare ma, per mancanza di tempo/denaro, mi sono sempre limitata a viaggi di pochi giorni in Europa.

Alla fine del liceo, senza troppi dubbi decido di trasferirmi a Parma per iscrivermi all’università (facoltà di Agraria, Corso di Laurea in Scienze Gastronomiche) dove, tra corsi sulla storia dell’alimentazione, sulle cause di un’intossicazione alimentare e sulle produzioni animali e vegetali, inizio a seguire un corso per diventare Sommelier, che porto a termine un’ anno dopo.
Qualche mese più tardi arriva pure la conquista della (nemmeno troppo) agognata Laurea, quel pezzetto di carta che segna il passaggio alla vita adulta, e con essa il momento di decidere che fare della mia vita.

E qui arriva la prima battuta d’arresto. Dopo un percorso pluriennale lineare e senza intoppi, mi ritrovo per la prima volta a non sapere dove sbattere la testa. Due sono le opzioni:

  1. Continuo la formazione universitaria, cercando un corso di laurea o un master che mi dia la possibilità di approfondire le mie passioni;
  2. Cerco un lavoro.

Ho scelto l’opzione 3. prendermi un anno sabbatico e fare un’esperienza all’estero.

La scelta della destinazione è facile, da sempre sognavo di andare a vivere a Barcellona, quindi zac! Compro il biglietto aereo, cerco un appartamento e prenoto un corso di spagnolo per 3 mesi.

A Febbraio 2014 arrivo a Barcellona.

A Marzo inizio a lavorare in un ostello, e scopro che è un po’ come viaggiare senza muoversi da casa. Conosco persone meravigliose ed entro in contatto con culture che non avevo mai conosciuto prima, mi appassiono alla cultura latino americana e mi innamoro della vitalità della sua gente. Inizia a frullarmi in testa un’idea: e se facessi un viaggio in Sud America?

… ma i soldi scarseggiano, e sono ancora troppo legata al concetto (tutto italiano) che quando finisci l’università, devi rapidamente trovarti un lavoro altrimenti invecchierai e non troverai mai un buon posto, che ti permetta di pagarti un mutuo trentennale, di allevare 2 figli e di pagare due settimane di affitto di un ombrellone sulla riviera romagnola in estate. Quindi accantonata questa idea bizzarra, continuo a lavorare all’ostello per pochi spicci, ma l’atmosfera ripagava molto più della busta paga a fine mese.

Passano i mesi, e festeggio il mio primo anno a Barcellona. Un anno in una città tanto internazionale, e a stretto contatto con viaggiatori da tutto il mondo, mi ha fatto dimenticare un po’ quella prospettiva “università – lavoro – famiglia”, e l’idea del viaggio ha acquistato vigore, tanto che ho deciso di fissare una data: a fine 2016 andrò in Sud America! Il piano è questo: risparmio folle per un annetto, poi si parte.

… ma non è così semplice: amo las patatas bravas e le birrette con gli amici, così come sperimentare ristoranti nuovi. Fatto sta, che i risparmi sono meno cospicui del previsto.

Inizio ad essere un po’ stanca del mio lavoro, sento che non mi dà più gli stessi stimoli di prima, inizio ad annoiarmi e a valutare l’opzione di tornare in Italia o trasferirmi da qualche altra parte. Insomma, seconda battuta d’arresto.

In prospettiva di un guadagno maggiore e, di conseguenza, una maggior capacità di risparmio, penso di cambiare lavoro e ne parlo con il mio capo, raccontandogli pure della mia idea di mettermi in viaggio. Qualche giorno più tardi, mi sorprende chiedendomi “Ma cos’è che ti blocca? Cosa ti tiene qui? Perché non parti?”.

C’ho pensato, e non ho saputo trovare una risposta valida.

Il 26 giugno 2015 ho comprato un biglietto di andata e ritorno per sei mesi di viaggio in Sud America. 

Il 9 dicembre 2015 inizia l’avventura.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Vinaggiando e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...