Diario de un cruze de frontera extraordinario

Si unos cabezones deciden que quieren cruzar la frontera, no hay bloqueo que los pare

12 mayo 2016 – día de viaje 156 – La Quiaca y Villazón

En un solo día me tocaron 2 despedidas: de Argentina, País en el cual pasé 53 días, y del grupo de argentinos con el cual viajé durante 20 días a través de las provincias de Tucumán, Salta y Jujuy. Dos despedidas fueron demasiado para mi cuerpo, que se rebeló y decidió enfermarse, obligandome a unos días de descanso acá en Cochabamba, Bolivia (nada grave, lo que no mata fortalece!).

Seguimos con el cuento de mi última aventura, que es más divertido 😉

 

El 12 de mayo tenía que ser, sí o sí, el día en que se iba a cruzar la frontera Argentino-boliviana. Siete de nosotros ya tenían los pasajes para el tren que salía de Villazón (Bolivia) a las 15.30, y que nos llevaba hasta Uyuni u Oruro, los dos que faltaban se habían ido temprano a comprarlos, y nadie tenía muchas ganas de quedarse en La Quiaca, ciudad frontaliza sin algun encanto.

De Yavi, donde habíamos pernoctado, nos movimos a La Quiaca, solamente el tiempo para desayunar y robarle el wifi a un bar, antes de ir a la frontera. Nos enteramos por Ezequiel (uno de los dos del grupo, junto a Damián, que no tenía todavía el pasaje) que la frontera no se puede cruzar: nadie viene a Argentina y nadie va a Bolivia. En principio pensamos que es una broma no muy divertida de Eze, que consigue convencernos de su buena fe a la tercera vez que nos repite “Lo digo de verdad, no es broma pa’ nada!”. Eze, que tengas que trabajar sobre tu credibilidad?! 😉

IMG-20160513-WA0009

Aprendida la noticia, nos apresuramos un poco (bueno, tampoco mucho, hay que coordinar 8 personas, y esto significa: 8 mochilas de 15kg, almenos 4 personas que tienen que ir al baño, a alguien le falta yerba y a alguien el agua para el mate, quien se pierde porque tiene hambre y fue a comprar facturas, quien fue a sacar plata, quien se pierde no se sabe donde, etc etc), y más o menos a las 12 del mediodía estamos en la frontera, y comienzan las preguntas “Se pasa? O no se pasa? Quien pasa? Pero, que pasa? Te dejan salir? Y te dejan entrar?”. Trás una rápida investigación, se descubre que las oficinas estaban dando el sello de salida de Argentina y aquel de entrada a Bolivia, el problema es que había gente bloqueando el paso a cualquiera quisiera entrar o salir de Villazón. Para decidir que hacer, optamos con el tomar mate, que nunca está de más, y vuelve a unirse a nosotros Damián, de vuelta de la Tierra de Nadie, de que fue ciudadano durante unas horas, habiendo hecho el tramite de salida de Argentina pero no el de entrada a Bolivia. Gastón, el negociador del grupo, ya se había metido a hablar con las oficinas de migración, y vuelve con un puñetazo de papeles de los tramites, que diligentemente llenamos.

A partir de ahora, empieza el quilombo. Nos levantamos e intentamos cruzar mientras Eze se queda en Argentina; nos contestan que no están dando el sello de entrada a Bolivia, así que junta con Dami, vuelvo adónde estabamos esperando antes; de esta manera, perdemos el contacto con 6 componentes del grupo, que parece consiguen pasar el bloqueo. Los 3 que quedamos en el lado argentino, nos ponemos a tomar de nuevo mate. De repente, Eze se anima y va a hablar con la gente del bloqueo, que le dice que nos van a dejar pasar; agarramos rapidamente las cosas, me sellan el pasaporte, cruzamos el ponte, cruzamos el bloqueo y ta-dan! Estamos en Villazón, que parece una ciudad fantasma, y todos los vehiculos son utilizados por hacer más y más bloqueos, que pero no nos paran y no nos dicen nada.

IMG-20160516-WA0053

Los tres seguimos rápidos y felices a la estación del tren, piensando que lo difícil ya lo habíamos pasado…pero así no es. Nos juntamos de nuevo con los otros seis componentes del grupo (Vale, Lu, Benja, Javi, Sonia y Gastón) y con otra gente conocida en el camino, que nos informan que el tren saldrá a las 18.25 de Tupiza, a 90km de distancia, que no hay transporte que salga de Villazón, y que tenemos que caminar 45 minutos hasta pasar el último bloqueo, y de allá habrá unas combis que nos llevarán a Tupiza.

Cinco minutos de relax, comemos un par de galletitas que serán nuestro almuerzo y todos nos ponemos la mochila a los hombros, listos para empezar a caminar.

IMG_2737

Hace calor, no hay una nube en el cielo, el sol quema y el asfalto también; nos cruzamos con mucha gente que nos avísa que falta mucho para caminar, pero no nos perdemos de animo, y seguimos, seguimos…

IMG_2738

…durante casi 40 minutos, creo. Vemos una camioneta que estaba trasladando personas hasta el último bloqueo, y preguntamos al chofer cuanto dista: “Ehh, de acá serán más o menos 10km” WTF?? Decidimos pagar el pasaje y subir a la camioneta. A lo largo del camino se habían unido a nosotros otras cinco personas, entonces ahora eramos 14, con 14 mochilas grandes y otras tantas pequeñas, y la camioneta tenía cuatro asientos y un cajon abierto atrás. La pregunta surgió espontanea: “Entramos todos?” “Sí, no se preocupen!”

IMG_2739

Faltan dos personas para subir, y no parece haber mucho espacio…

la concha de su hermana! (Sepan disculpar el argentinismo)

Si nadie se cayó en el camino, lo debimos al mucho amor que existía en esa camioneta, que nos hizo enganchar el uno con el otro a través de calidos abrazos. Yo le debo la vida a una pierna de Gastón y a las caderas de Sonia, que me ofrecieron un optimo engancho, y a un brazo de Benja, que me ató un poco más a la camioneta.

Bajamos todos de la camioneta, y empezamos a caminar de nuevo, y a preguntar por las combis que llevan a Tupiza. Pasamos un bloqueo, y otro, y otro…y nos damos cuenta que son las mismas personas, que están simplemente adelantando el bloqueo cada vez que nosotros lo pasamos. Después de una discusión que no trajo resultados, decidimos organizar un contra-bloqueo con ranchada en el medio de la ruta: cuando pasan vehiculos, nos paramos y agarrados por las manos evitamos que sigan, hasta encontrar alguien que nos lleve a Tupiza.

 

IMG_2740

“Somos una banda, no van a atropellarnos a todos, no?”

De alguna manera, el plan funciona. Casi asaltamos una combis y subimos en ocho (siempre con 8 mochilas) donde normalmente caben siete personas, y repetimos este acto dos veces, para que todos puedan alcanzar el destino.

En una hora y poco más estamos en Tupiza, y alguien encuentra inclusive la manera para echarse una siesta durante el trayecto.

IMG_2747.JPG

Tenemos el tiempo para cargar comida, chocolate (cada uno tiene sus propias necesidades), bebidas y agua caliente (para el mate, claramente), abusar del Mentisan de Valeria y tirarnos un poco en la vereda de la estación del tren, que saldrá solo a las 19.05.

Subimos al tren, y el cansancio no tarda en llegar; ya a las 21.30 había más cabezas caídas que paradas.

IMG_2752IMG_2753

A la 1.15 llegamos a Uyuni, donde me toca despedirme del grupo…no voy a perderme en muchas palabras, simplemente les digo GRACIAS, por esta aventura y por todas las anteriores.

Mucha suerte o, como se dice en mi País, ” In culo alla balena! (E speriamo che non caghi)”.

Pubblicato in En español, Luoghi, Persone, Trasporti, Vinaggiando | 4 commenti

E Argentina fu!

Español abajo

Day 131 – Mendoza 

IMG_1924

Parque Huerqueue, Pucón, Chile. Quella volta che ho sentito la mancanza di un palo-selfie.

Dopo quasi 2 mesi di silenzio, mi sembra doveroso darvi un piccolo aggiornamento. Scrivere post e mantenere aggiornato il blog da un tablet ed in continuo movimento non è per niente facile (tanta stima per chi ci riesce), quindi molte informazioni verrano rielaborate al mio ritorno (vi tocca aspettare fino a luglio, abbiate pazienza).

Dove mi trovo: Mendoza, Argentina. Dall’ultimo aggiornamento, effettuato a San Pedro de Atacama, ho percorso circa 7300 km in bus, suddivisi in 13 viaggi con diversi mezzi di locomozione. Grazie alle molte ore passate nei bus, ho acquisito la capacità di addormentarmi in qualsiasi posizione permessa da un sedile leggermente reclinabile.

Ho passato una frontiera, raggiungendo cosí quello che era il mio obiettivo: Argentina. Quando mi hanno impresso il timbro d’entrata nel passaporto, poco ci mancava che abbracciassi l’impiegato dell’ufficio immigrazione.

Ho cambiato il percorso una quantità notevole di volte, ho prolungato la permanenza in alcune città, mi sono innamorata di altre, ho riabbracciato persone che non vedevo da mesi o anni, ho consolidato amicizie e ne ho create di nuove.

A Buenos Aires, mi sarò innamorata ogni 5 metri. Ma pure a Bariloche. E a Córdoba. A Mendoza non lo so, perché oggi è domenica e non c’era tanta gente in giro.

Ho cambiato decine di volte l’accento, ma a Rosario sono stata smascherata come straniera dopo aver pronunciato “Cuba libre”.

Ho recuperato quei pochi grammi persi in seguito ad una gastroenterite durata quasi 2 mesi riempiendomi di empanadas, pizze e asado. Ma devo passare di nuovo per Bolivia e Peru (e per le loro condizioni igieniche, diciamo, scarse), quindi meglio approfittarne ora.

IMG_2185

Los Mogotes, Capilla del Monte, Argentina. Il selfie al tempo delle macchina fotografiche compatte, anche detto: autoscatto.

Per farla breve, sto bene, anzi, benissimo: sono sempre la solita scema, con qualche chiletto in più attaccato al corpo e con tutti i denti al loro posto; forse con un sedere un po’ più tonico, grazie ai chilometri percorsi camminando tra i monti 🙂

Non traggo troppe conclusioni, che in fondo mi restano ancora due mesi di viaggio e tanta strada e tante situazioni e tanti incontri. Tra un altro paio di mesi, vi ri-aggiorno.

Stay tuned! (suvvia, sto scrivendo poco,è facile)

——

Y Argentina fue!

Después de casi dos meses de silencio, me parecío correcto actualizaros un poquito. Escribir y mantener actualizado un blog desde una tableta no es nada fácil, enhorabuena a quien lo consigue!

Donde estoy: Mendoza, Argentina. Desde la última actualización, recorrí casi 7300km en 13 tramos y con distintos medios de transporte. Gracias a las muchas horas pasadas en bus, conseguí la capacidad de dormirme en cualquier posición sea permitida por un asiento lievemente reclinable.

Pasé una frontera, alcanzando así mi objetivo: Argentina. Cuando me pusieron el sello de entrada, estuve a punto de abrazar el empleado de la oficina de migración.

Cambié el recorrido miles de veces, extendí la permanencia en algunas ciudades, me enamoré de otras, abrazé personas que no veía desde meses o años, consolidé amistades antiguas y creé nuevas.

En Buenos Aires, me habría enamorado cada 5 metros. Y también en Bariloche. Y en Córdoba. En Mendoza no lo sé todavía, hoy era domingo y no había mucha gente.

Cambié accento más veces, pero en Rosario me detectaron como extranjera pronunciando “Cuba libre”.

IMG_2049.JPG

Cerro Campanario, Bariloche, Argentina. Come potete apprezzare da vicino, ho ancora tutti i denti.

Recuperé los pocos gramos perdidos durante dos meses de gastroenteritis comiendo empanadas, pizzas y asados. Tengo que pasar de nuevo por Bolivia y Peru (y sus escasas condiciones higienicas), así que mejor aprovechar ahora!

Para hacerla corta, estoy bien, bienísimo: soy la misma boluda que siempre, con mis kilitos de sobra y con todos los dientes fijos en su lugar; quizás tenga un trasero un poco más tónico, por todas las subidas a las montañas 🙂

No llego todavía a conclusiones, que me quedan dos meses de viaje y una larga ruta y muchas situaciones y muchos encuentros. Dentro de un otro par de meses, os actualizo de nuevo.

Stay tuned! (Anda que es fácil, estoy escribiendo muy poco)

 

 

Pubblicato in En español, Luoghi, Pillole | Lascia un commento

E quindi uscimmo a riveder le stelle (o almeno ci provammo)

Español abajo

Day 83 – 1160km percorsi

Se è vero che per scrivere un diario ci vuole molta costanza, per tenere aggiornato un blog oltre alla costanza ci vuole un buon wifi, e Bolivia non brilla certo in tecnologia. Quindi scusate, ma i racconti arriveranno in differita e con poche foto, perché impiegano ere geologiche a caricarsi. Intanto qui potete trovare un rapido resoconto sul Peru.

Un paio di giorni fa ho lasciato la Bolivia, dopo 2 settimane di viaggio, per entrare in Cile. Arrivo a San Pedro de Atacama, ultima tappa per Natalia (con cui ho condiviso le settimane in Bolivia), dopo un tour di 3 giorni iniziato ad Uyuni, Bolivia, e conclusosi all’ufficio migrazioni boliviano. Durante questo tour abbiamo visitato il deserto di sale più grande del mondo (che è a dir poco incredibile) e il parco Nazionale Avaroa, oltre ad attraversare lagune abitate da fenicotteri e paesaggi spettacolari.

IMG_3491

Cimitero dei treni

IMG_3567

Salar de Uyuni

IMG_1678

Fenicotteri in una laguna

IMG_1683

Montagna dal nome impronunciabile

IMG_1736

Geyser Sol de Mañana all’alba

IMG_1763

Confine Bolivia – Cile

San Pedro ci accoglie con afa e nuvole, evento raro per questa zona, che vanta un elevatissimo numero di notti serene ogni anno. Il nostro piano di visitare l’osservatorio astronomico più importante a livello mondiale salta miseramente, lasciandoci l’amaro in bocca, che abbiamo dovuto togliere con una bottiglia di vino cileno. Davvero un peccato (per l’osservatorio, non per il vino).

Il giorno dopo Natalia si dirige a Calama per tornare a casa, mentre io mi siedo su un autobus che in 16 ore mi porterà a La Serena, da dove sto scrivendo ora. Giusto il tempo di vedere il mare, e riparto in direzione di Santiago (città grande, aiuto!).

Stay tuned!

———–

Entonces salimos a mirar de nuevo las estrellas (o al menos lo intentamos)

Si es verdad que para escribir un diário se necesíta mucha constancia, para actualizar un blog además de esa, se necesíta un buen wi-fi, y Bolivia no brilla por eso. Disculpen entonces, los cuentos llegarán con retraso y con muy pocas fotos, ya que tardan eras geologicas para cargarse.

Hace un par de días dejé Bolivia, después de 2 semanas de viaje, y entré a Chile. Llegué a San Pedro de Atacama, última etapa del viaje para Natalia (con la cual compartí las semanas en Bolivia), después de un tour de tres días empezado en Uyuni y terminado en la oficina de migración boliviana. En este tour pasamos por el salar más grande del mundo (que es increíble) y el parque natural Avaroa, además de transitar por lagunas habitadas por flamencos y paisajes espectaculares.

San Pedro nos dió la bienvenida con calor y algunas nubes, cosa rara por esa zona, que tiene un altísimo número de noches despejadas. El plan preveía visitar el observatorio astronomico, pero no pudimos hacerlo por las nubes (y porque el tour estaba agotado), entonces tuvimos que buscar consolación en una botella de vino chileno. Que lástima (por el tour, no por el vino).

El día siguiente Natalia se dirige a Calama para volver a casa, mientras yo me siento en un bus que en 16 horas me llevará a La Serena, para ver un poco de mar, antes de sentarme en otro bus para Santiago.

Stay tuned!

Pubblicato in Bolivia, En español, Vinaggiando | Lascia un commento

Rapido resoconto peruviano

Siccome sono indietrissimo con il racconto del viaggio (calcolate che ho attraversato tutta Bolivia e sono entrata in Cile), vi faccio un rapido resoconto dei miei 24 giorni in Perù, e più avanti farò alcuni approfondimenti.

Per il momento, vi lascio alcune foto e qualche parola descrittiva. Iniziamo!

MÁNCORA

Raggiungo questa località balneare il mattino del 18 gennaio, dopo un viaggio di 7 ore da Cuenca (Ecuador), durante il quale sono passata per l’immigrazione ecuadoriana e peruviana (ben organizzata, poiché si trovano nello stesso edificio, e l’unica cosa da fare è seguire la fila di gente che fa la coda prima in una postazione, poi nell’altra).
L’orario di arrivo previsto è alle 6 del mattino, ma il poco traffico e la guida spericolata degli autisti latini mi permettono di arrivare in anticipo di una ora, e ciò ha significato essere abbandonata sulla panamericana alle 5 del mattino, quando il sole non è ancora sorto, senza un posto dove andare.
Salto su un mototaxi (a sentire le parole mototaxi e oscurità assieme nella stessa frase, i miei amici peruviani sentirebbero un brivido d’orrore lungo la schiena), e mi faccio accompagnare all’ostello PK’S, che più che trovarsi sulla spiaggia, si trova nell’oceano. 7€ a notte, ma avrebbe bisogno di un po’ di manutenzione e pulizia in più. La cosa migliore di Máncora è stata la Ceviche mista che mi son pappata, perché per il resto si tratta di una località super turistica e con il mare non troppo pulito.

IMG_0940


Spiaggia di Máncora

Da Máncora vado direttamente a Lima, con un viaggio di 19ore in cui mi sono vista 5 film e mi hanno servito cena e colazione a bordo, per un costo di circa 40€.

LIMA

Arrivo alla capitale peruviana, dove mi ricongiungo con Carlotta, che purtroppo non è nella migliore delle forme, quindi mi lascia ad una scoperta solitaria della città. Mi perdo un po’ per il centro, tra la piazza principale, la cattedrale e altre chiese, ma come tutte le città troppo grandi, nemmeno Lima riesce a conquistarmi.

IMG_0942

Una piazza di Lima

La seconda sera andiamo ad assistere allo spettacolo delle fontane, con musica, luci e suoni.

Il 23 gennaio ci dirigiamo a Paracas.

 

PARACAS

Altra località balneare e turistica, ma dopo 3 giorni a Lima vedere il mare è per me un toccasana. Sosta forzata per quattro giorni per piccoli inconvenienti di salute, ma riusciamo ugualmente a contrattare un tour per le isole Ballestas, dove abbiamo la possibilità di avvistare pinguini e leoni marini, e un altro per la riserva naturale di Paracas, dove sono presenti molte specie di volatili e spiagge con sabbia di differenti colori. Prezzo totale per i tour, entrata inclusa, circa 25€.

IMG_1004

Leone marino (Isole Ballestas)

IMG_1028

Pinguini (Isole Ballestas)

IMG_1051

Spiaggia nera (riserva naturale Paracas)

IMG_1063
Spiaggia rossa (riserva naturale Paracas)

Abbiamo alloggiato alla Paracas Backpackers House, stanza doppia a 50 Soles (circa 15 €).

ICA

Ad una ora a sud di Paracas, vi arriviamo con un bus in cui non c’era spazio per le mie gambe tra i sedili, e ho dovuto stenderle nel corridoio.
Città molto trafficata, con mototaxi che sfrecciano ovunque suonando il clacson a tutto spiano, senza un’apparente legge stradale, in un’anarchia in cui vince il più grande (che generalmente non è il pedone). Alloggiamo in un ostello vicino al terminal degli autobus, gestito da due giovani imprenditori: aperto recentemente, l’ Ica Wasi è sulla buona strada (25 soles, 7€, il letto in dormitorio), ma c’è ancora lavoro da fare.
Il centro di Ica non offre molto (taxi sfreccianti e innumerevoli occasioni per mettere a repentaglio la propria vita a parte), quindi ci affidiamo ad un tour organizzato per visitare rapidamente i dintorni:20€ per visitare un produttore di Pisco e per praticare sandboard all’oasis di Huacachina.

IMG_1080

Traffico di Ica

IMG_1093

Uva utilizzata per produrre il Pisco

IMG_1108

Deserto di Ica

Tornate dalle scivolate sulle dune, saliamo su un bus per un viaggio di 12 ore che ci porterà ad Arequipa.

AREQUIPA

Città decisamente più tranquilla di Ica, dove il clacson non la fa da padrone e il pedone ha qualche chance di sopravvivenza in più. Bello il centro, ordinato e pulito, così come il convento di Santa Caterina. Un’attrazione importante di Arequipa, specialmente per gli amanti della montagna, è il canyon del Colca: possibile il tour di 1, 2 o 3 giorni. Io ho optato per quello da 3 giorni, che mi ha permesso di alloggiare in casa di famiglie locali che mettono a disposizione alcuni letti per i turisti, quindi alloggi basici e rurali, ma “reali”. Il tour, oltre a cibo, alloggio e bei paesaggi, includeva pure un’ascesa di 1000metri di dislivello, da cominciare alle 5 del mattino.

IMG_1149

Via di Arequipa

IMG_1163

Condor in volo nel canyon

IMG_1204

Alla base del canyon

Al ritorno ad Arequipa, non riuscivo a scendere i gradini dai crampi ai polpacci. Ahia.

CUSCO

Altro viaggio in notturna di una decina di ore, arrivo a Cusco alle 6 del mattino, e mi dirigo all’ostello Mamá Simona, non tra i più economici, ma assolutamente pulito e con colazione inclusa (28 Soles, 7.50€, letto in stanza condivisa). È da qui che si parte per raggiungere la mitica città di Machu Picchu, ed è questo il primo posto che mi accingo a visitare, che è pure l’ultima tappa del viaggio di Carlotta.
Machu Picchu è un luogo incredibile, anche se per raggiungerlo spendendo poco, c’è da faticare. In ogni caso, gli dedicherò un post più completo (prezzi, modalità per arrivarci), qui vi lascio solamente un paio di foto.

IMG_1266

La cittadella di Machu Picchu

IMG_1282

Vista dalla montagna Machu Picchu

Di ritorno da Machu Picchu, salutata Carlotta, decido di regalare un giorno di relax alle mie gambe stanche, e mi fermo tutta la domenica in ostello, spalmata sul divano a sorseggiare mate di Coca.
Il giorno successivo dedico la mattinata ad un tour cittadino, mentre il pomeriggio lo passo entrando di agenzia in agenzia, alla ricerca del tour più economico alla “Valle sacra”. Trovo l’agenzia vincitrice, e mi porto a casa due tour di 1 giorno ciascuno per 48 soles (circa 15€). Dedico quindi 2 giorni alle rovine Inca della Valle Sacra, visitando Pisaq, Ollantaytambo, Chinchero, Moray e le saline di Maras.

12743709_10208517582446589_837456758560598012_n

Moray, Valle sacra

Terminato il secondo tour, alle 22 di mercoledì 10 febbraio salgo su un bus che mi porterà a Copacabana, dall’altro lato del confine Boliviano.

Lascio, momentaneamente, il Perù, per continuare l’avventura in Bolivia.

Stay tuned!

Pubblicato in Luoghi, Perù, Trasporti | Lascia un commento

Viva, vegeta e tanto in ritardo.

È da molto che non dò mie notizie in questo spazio virtuale, e qualcuno potrebbe aver pensato di essersi (finalmente) liberato di me, perché barattata per qualche lama o caduta in una tomba Inca; invece no, signore e signori, sono viva e vegeta, solo un po’ in ritardo con gli aggiornamenti.

Day 61 – numero di km percorsi indefinibile

Come già ho detto, sono stata raggiunta per una ventina di giorni circa dalla mia amica Carlotta, con cui avevo in programma di visitare il sud del Peru; per una serie di vicessitudini poco fortunate (che includono una visita protratta ad un ospedale peruano), non siamo riuscite a rispettare totalmente la scaletta, e per qualche giorno ci siamo separate, per poter spendere nel miglior modo il tempo che avevamo, senza dover fare grosse rinunce.

Il mio itinerario, brevemente, è stato:

Lima (2 notti) – Paracas (263km, 3 notti) – Ica (55km, 1 notte) – Arequipa (723km in notturna + 3 notti) – Canyon del Colca (trekking di 3 giorni/2 notti) – Cusco (485km in notturna + 1 notte) – Machu Picchu (escursione di 3 giorni/2 notti, tanti chilometri, troppe curve e troppissimi gradini) – Cusco (1 notte)

Ora mi trovo a Cusco, tentando di organizzare la prossima tappa, e per la prima volta dall’inizio del viaggio non ho date da rispettare,e c’è solo la mia voglia di Argentina a spingermi a proseguire, “rapidamente”, il viaggio verso il sud.

Vi lascio con qualche foto come “anticipazione”, e prometto che tenterò di raccontarvi il più possibile di ogni tappa, ma con calma e senza fretta! Che qui i ritmi stressanti europei non sono contemplati, ed io mi sto adagiando a questi ritmi così slow.

Stay tuned!(ma ripeto, con calma e senza fretta)

IMG_0998

Islas Ballestas, Paracas

IMG_1136

Oasi di Huacachina, Ica

IMG_1198

Canyon del Colca, Arequipa

IMG_1298

Machu Picchu, Cusco

 

Pubblicato in Luoghi, Perù | Lascia un commento

Ecuador III

Baños e Cuenca

Ultimo capitolo dei miei spostamenti in Ecuador, e vi lascio con due città tra loro ben differenti: la prima, Baños, è la meta ideale per sentir scorrere l’adrenalina nelle vostre vene, se ve la sentite di buttarvi da un ponte o arrampicarvi al lato di una cascata; la seconda, Cuenca, è decisamente più rilassante.  Continua a leggere

Pubblicato in Ecuador, Luoghi | Lascia un commento

Ecuador II

Latacunga, Saquisili e Quilotoa

Per il momento, la tappa che più mi ha sorpreso.

Le migliori cose che ho visto:
– Un contadino mentre rincorre un pollo fuggito verso la libertà
– Una mucca che si rifiuta di salire su un camion
– La possibilità di comprare un lama per 20$
– Una pecora scaricata dal bagagliaio di un bus
– Delle cavie sparpagliate nel bagagliaio dello stesso bus

Interessante, no? Leggete il resoconto completo! 😉 Continua a leggere

Pubblicato in Ecuador, Luoghi | Lascia un commento

Ecuador I

Ho passato in questo Paese meno di 10 giorni,  esplorando alcuni luoghi e tralasciandone molti altri. Divido il racconto di questa breve permanenza in tre parti, per potervi intrattenere un po’ di più 🙂

Otavalo, Quito e la Mitad del Mundo

OTAVALO

IMG_0754.JPG

Passata la frontiera, da Tulcán (la peggior stazione dei bus che abbia visto finora) prendo un autobus per Otavalo; dopo circa 3 ore di viaggio Continua a leggere

Pubblicato in Ecuador, Luoghi | Lascia un commento

Alla fine arriva Lima

Day 44 – km percorsi: 1170

Dopo un viaggio che sembrava interminabile (18 ore di autobus) ma che alla fine è passato abbastanza rapidamente, sono finalmente arrivata a Lima! Ho trovato ad aspettarmi Carlotta, che sarà mia compagna di avventure per una ventina di giorni.

Nell’ultima settimana ho macinato un bel po’ di chilometri, prendendomi una pausa solo a Máncora, sulla costa nord del Perù, per godermi un po’ di mare, dopo 40 giorni passati tra le montagne.

Ho attraversato l’Ecuador fin troppo rapidamente, lasciando on sospeso moltissime cose. Altro Paese che dovrò tornare a visitare!

Stay tuned!

Pubblicato in Luoghi, Perù, Trasporti | Lascia un commento

(Dis)Avventure a Filandia

Come già sapete, sono rimasta a Filandia una ventina di giorni e, naturalmente, ne ho approfittato per scoprire un po’ i dintorni. Siccome in mezzo ci sono io, non poteva andare tutto liscio come l’olio, quindi ora vi racconto qualche piccola (dis)avventura accadutami.

Finca El Mirador

IMG_0569

Vista panoramica

A circa 4 km da Filandia, ci s’imbatte in questa finca produttrice di caffè, situata sulla cima di una collina, che offre una vista panoramica su tutta la zona. Vista mozzafiato, caffè delizioso; peccato si siano dimenticati di portarmi la fetta di torta che avevo ordinato per accompagnare il caffè 😦

Ci sono andata assieme a Max e Daniela, in bicicletta: l’andata non ha presentato problemi (essendo tutta discesa), un po’ più difficile è stato il rientro: c’era la possibilità di buttare le bici su una jeep e buttarvici sopra pure le nostra membra stanche, ma abbiamo deciso di tornare con lo stesso mezzo con il quale siamo venuti. Stolti.

Quimbaya

A circa 20km da Filandia, perfetto per una pedalata. Ci sono due vie per arrivarci: la strada asfaltata, dove passano tutti i veicoli, prevalentemente in discesa ma con un paio di salite impegnative; la stradina di campagna, tutta in discesa, meno trafficata e più panoramica. Indovinate quale abbiamo percorso, Victor ed io? Mancando la deviazione per la stradina panoramica, ci è toccato faticare in salita. Al ritorno, noi e le biciclette siamo montati su una jeep. Assieme ad altre 15 persone.

El valle del Cocora

IMG_0638

Obiettivo (più o meno) raggiunto

Di nuovo assieme a Victor, mi avventuro nella Valle del Cocora; chiediamo informazioni ad Itsaso, che ci consiglia di iniziare la camminata a sinistra, affrontandola quindi in senso contrario a ciò  che viene segnalato: prima si passa per il rifugio (finca), poi si arriva al sentiero Acaime, dove si possono vedere moltissimi colibrì, per un totale di 5 ore di camminata tranquilla. Fiduciosi, iniziamo il cammino, e alla prima diramazione, andiamo a sinistra. Un po’ più avanti, troviamo un’altra deviazione: a destra, un sentiero irto ed il segnale “Finca de la montaña 3.4km“; a sinistra, “Finca del bosque 7.8km“, con un sentiero più tranquillo. Victor, con convinzione, prende il sentiero a sinistra.

Morale della favola: quasi 4 ore di salita bella tosta, 3 attraversamenti del fiume, avvistamento di 1 colibrì, nessuna finca e nessuna possibilità di collegarsi al sentiero Acaime, 3 ore di discesa per lo stesso cammino impervio. Ricordatevi di prendere il sentiero A DESTRA.

Finca cafetera

IMG_0659.JPG

Passaggi della produzione del caffè

Ho ancora le gambe sofferenti a causa della camminata a Cocora, ma non posso rifiutare quando mi viene offerta una visita di 3 ore in una piantagione di caffè, per scoprire il procedimento di coltivazione e produzione. “Non ti preoccupare, il trasporto è incluso!” , mi viene detto.

La visita dura in totale 4 ore, e percorriamo circa 13km. A piedi.

Reserva Barbas – Bremen

IMG_0675.JPG

La riserva Barbas-Bremen

C’è la possibilità di creare un buon gruppo per visitare questa riserva naturale, accessibile solamente con una guida locale, per ridurre notevolmente il prezzo d’ingresso. L’attrattivo principale della riserva sono le famiglie di scimmie che la popolano. Itsaso e la guida ci assicurano che si riesce a vedere sempre almeno una famiglia di scimmie e qualche altro animaletto presente nella riserva.

Ebbene, abbiamo avvistato un picchio. E due scoiattoli.

Con questo post chiudo il (primo) capitolo Colombia. Ho potuto visitare poco questo Paese, ma mi è rimasto davvero nel cuore: per i luoghi, i paesaggi e soprattuto la gente che ho conosciuto, che mi ha accolta calorosamente. Grazie.

Ciao Colombia, ci rivediamo presto! 🙂

Pubblicato in Colombia, Luoghi, Pillole | Lascia un commento